Introduzione alla tecnica della granulazione

Estratti dalla dispensa preparata da Giò Carbone ad uso di insegnanti e studenti di LAO©

La granulazione è una tecnica di decorazione nella quale piccole sfere (grani o granaglie) di metallo sono fissate sulla superficie metallica creando un disegno ornamentale o figure complesse.

La radice delle parole granaglie (o grani), granulare e granulazione, risale al termine latino “granum” nella sua definizione di chicco (d’orzo) e vinacciolo. 

I grani possono essere disposti singolarmente a forma di punto (granulazione singola), allineati uno accanto all’altro come elementi lineari (granulazione in linea o lineare), posizionati uno accanto all’altro per la formazione di superfici (granulazione a superficie) e a più strati uno sopra all’altro per la formazione di corpi a grappolo (granulazione a grappolo). 

L’unione è ottenuta senza l’apporto di lega saldante: questo tipo di unione tra metalli è conosciuta con il nome di “saldatura colloidale”, e si ottiene anche grazie all’uso di composti che facilitano la fusione delle superfici di contatto tra i granuli stessi e tra granuli e il supporto. 

I composti più comunemente utilizzati nell’antica granulazione erano il carbonato di rame (in pratica la malachite, in greco “crisocolla”, che letteralmente significa “colla per oro” ), il solfato di rame o l’ossido di rame. 

Il fascino delle antiche lavorazioni di granulazione risiede nell’uso di grani di piccolissime dimensioni e di forma perfettamente sferica, disposti in modo molto regolare e uniti al metallo di base e tra di essi con legami invisibili. 

La gran parte dei lavori di granulazione sono effettuati utilizzando in leghe di oro: gli esempi più antichi provengono dalla Mesopotamia (2560-2400 a.C.), mentre i avori considerati più belli e complessi furono realizzati dalle popolazioni etrusche (circa VII secolo AC- 293 AC ). 

I lavori di granulazione in argento sono relativamente rari, ad eccezione di alcuni esemplari dell’arte vichinga e degli ornamenti popolari dell’era moderna, ma io ho visto bellissimi lavori in argento a Bali (Indonesia), alla fine degli anni ’80 del secolo scorso. 

 

Un metodo

Nella creazione orafa moderna e contemporanea, la granulazione come mezzo decorativo è stata usata ed è ancora usata da orafi e artisti in modo a volte molto ortodosso, a volte meno.
Anche il procedimento stesso è stato messo in discussione, e molti orafi chiamano granulazione processi completamente diversi, e che prevedono ad esempio l’uso di saldatura.

Proviamo ad illustrare un metodo (che non è certo il solo metodo possibile, e non pretende essere il migliore) per realizzare la granulazione.

La produzione dei granuli 

Per la realizzazione di gioielli moderni i granuli sono prodotti partendo da oro in lega 18 kt (Miller) a 21kt (Treskow), mentre nella riproduzione di oggetti storici si usano grani in metallo puro, o a 21-22 kt o ancora si riproducono leghe che si utilizzavano nelle diverse epoche (Loepp, altri).

I grani e la base possono essere realizzati nella stessa lega oppure in leghe diverse. 

 

Oggi i grani si ricavano fondendo piccole particelle metalliche mescolate a polvere di carbone di legna, con un procedimento molto simile a quello descritto da Benvenuto Cellini per produrre della granaglia di oro, che consigliava di usare legno di tiglio per la fusione: un metodo già descritto dal monaco Theofilus nel XII secolo.

Non sappiamo esattamente come gli etruschi producevano i grani: sappiamo che il metodo si era perso e nei secoli successivi furono utilizzati diversi metodi. Uno consisteva nel colare il metallo fuso in acqua, e alla fine del XIX secolo il metallo fuso era colato su di una piastra di marmo lucidata. 

Alcuni artigiani fondono ancora oggi piccoli ritagli su una mattonella di carbone di legna, procedimento già noto nel periodo dal 500 a.C. al 500 d.C. nella cultura precolombiana de La Tolita, ma nessuno di questi metodi assicura granaglie perfettamente sferiche necessarie per un lavoro mediamente complesso di granulazione, mentre certamente sferette non perfette possono essere con successo utilizzate per altri scopi decorativi, dove la sfericità non è richiesta.

 

A seguire
Il testo completo della dispensa sarà consegnato ai partecipanti.

Corsi brevi su questa tecnica sono organizzati ciclicamente dalla scuola. Per gli aggiornamenti sulle date scrivere a info@artiorafe.it, oppure seguire la pagina del calendario https://www.artiorafe.it/corsi/corsi-scuola-arti-orafe/

Le immagini che seguono sono relative a seminari tenuti da David Loepp nella nostra scuola.

Condividi:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn

Social network

Le Arti Orafe Jewellery School

Ultimi articoli

Articoli correlati

MOSTRA DI FINE ANNO 2014-2015

Programma Visite ai laboratori e alle aule LAO Scuola aperta Martedi 30 giugno e Mercoledi 1 luglio dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle

MOSTRA FINE ANNO 2016-2017

La  mostra di fine anno dei lavori degli studenti dei diversi corsi  di LAO è stata anche questa volta una grande festa. La sera

Corsi Flash

Sono corsi brevissimi, da 1 a 5 giorni di durata. I contenuti sono di natura tecnico/pratica e prevedono una fase di dimostrazione da parte dell’istruttore e una fase di esercitazione degli studenti. Tutti i corsi flash sono impartiti da docenti e istruttori di LAO.

Corsi Flash di CAD. Docente: Jasmina Carbone
Titolo/ContenutiCodiceDurataDateRetta (IVA incl.)Requisiti di ammissioneIscrizione
Introduzione a Rhino3D per l’oreficeria.
Corso online.
CAD.WE116 ore 8 lezioniIl corso inizierà al raggiungimento di 5 partecipanti€ 400Iscriviti
Introduzione a Rhino3D per l’oreficeria.
Corso serale o diurno
CAD.SE116 ore 8 lezioniIl corso inizierà al raggiungimento di 5 partecipanti€ 400Iscriviti
Corsi Flash di ZBrush. Docente Anna Lia Cimini
Titolo/ContenutiCodiceDurataDateData limite per l’iscrizioneRetta (IVA incl.)Requisiti di ammissioneIscrizione
Modellazione 3d con ZBrushZBR.WE24 ore 6 giorni
3,4,10,11,17,18 maggio15 aprile€ 800Conoscenza di base di oreficeria o design del gioiello; uso del PC
Iscriviti
Corsi Flash di DISEGNO DEL GIOIELLO. Docente Sofia Garuti* - Giulio Vinci
Titolo/ContenutiCodiceDurataDateData limite per l’iscrizioneRetta (IVA incl.)Requisiti di ammissioneIscrizione
Schizzi e rendering a pennaRE.215 ore 5 giorni1 - 5 luglio30 giugno€ 400Iscriviti
Rendering a manoRE.315 ore 5 giorni8 - 12 luglio30 giugno€ 400Iscriviti
Rendering digitaleRE.415 ore 5 giorni15 - 19 luglio30 giugno€ 400Iscriviti
Colorazione del diamante*RE.112 ore 3 giorniIl corso inizierà al raggiungimento di 5 partecipanti€ 300Iscriviti
Corsi Flash di INCASSATURA. Istruttore Francesco Pinzauti
Titolo/ContenutiCodiceDurataDateData limite per l’iscrizioneRetta (IVA incl.)Requisiti di ammissioneIscrizione
Incassatura su griffe (Solitario o trilogy)INPR1.F12 ore 2 giorni16 e 17 settembre31 agosto€ 300Iscriviti
Incassatura su castoniINBS.F12 ore 2 giorni18 e 19 settembre31 agosto€ 300Iscriviti
Incassatura a sguscioINSG.F8 ore 1 giorno20 settembre31 agosto€ 200Conoscenze base delle tecniche di incassaturaIscriviti
Incassatura binarioINBI.F8 ore 1 giorno23 settembre31 agosto€ 200Conoscenze base delle tecniche di incassaturaIscriviti
Incassatura sgriffatoINSGR.F8 ore 1 giorno24 settembre31 agosto€ 200Conoscenze base delle tecniche di incassaturaIscriviti
Corsi Flash di INCISIONE SU GIOIELLO. Istruttori Victoria Efremova*/Filippo Vinattieri
Titolo/ContenutiCodiceDurataDateData limite per l’iscrizioneRetta (IVA incl.)Requisiti di ammissioneIscrizione
Introduzione all’incisione sul gioielloENJF.112 ore 2 giorni18 e 19 settembre31 agosto€ 300Iscriviti
Fondo, granito e seta sul gioielloENJF.28 ore 1 giorno20 settembre31 agosto€ 200ENJF.1 o equivalenteIscriviti
Scrittura corsiva su metallo*ENJF.318 ore 3 giorni23, 24 e 25 settembre31 agosto€ 450ENJF.1 o equivalenteIscriviti
Segnatura*EN.112 ore 2 giorniIl corso inizierà al raggiungimento di 5 partecipanti€ 300Iscriviti
Texture Incisa*EN.224 ore 4 giorniIl corso inizierà al raggiungimento di 5 partecipanti€ 600Iscriviti
Corsi Flash di SMALTI. Istruttore Barbara Minor*/Jennifer Wells**/Sachiko Chino
Titolo/ContenutiCodiceDurataDateData limite per l’iscrizioneRetta (IVA incl.)Iscrizione
Smalti trasparenti con pellicole smaltate argento e oro su rame*SMAF.18 ore 2 giorni9-10 maggio20 aprile€ 400Iscriviti
Smalto liquido**SMAF.218 ore 3 giorni9,10 e 11 settembre31 luglio€ 600Iscriviti
Smalti a fuoco
Smalto a umido, smalto a secco, Champlevè
SMA.WE8 ore 2 giorni19 e 20 settembre31 agosto€ 250Iscriviti
Corsi Flash di INFILATURA DELLE PERLE. Docente Maria Laura La Mantia
Titolo/ContenutiCodiceDurataDateData limite per l’iscrizioneRetta (IVA incl.)Requisiti di ammissioneIscrizione
Infilatura delle perlePEARL16 ore 2 giorni9-10 settembre15 agosto€ 500Iscriviti
Note Corsi FLASH***

CAD.WE1 Introduzione a Rhino3D per l’oreficeria. Corso Online

Creazione di anelli e ciondoli dalle forme non complesse attraverso l’uso dei seguenti comandi: creazione di curve e loro  modifiche, sposta, ruota, scala, copia, suddividi, sweep a 1 binario, punti di controllo. 

CAD.SE1 Introduzione a Rhino3D per l’oreficeria. Corso serale o diurno. 

Creazione di anelli e ciondoli dalle forme non complesse attraverso l’uso dei seguenti comandi: creazione di curve e loro  modifiche, sposta, ruota, scala, copia, suddividi, sweep a 1 binario, punti di controllo. 

ZBR.WE Modellazione 3D con ZBrush 

Primo approccio alla modellazione scultorea tramite ZBrush, programma di grafica computerizzata che combina modellazione,  texturizzazione e painting in 3D e 2,5D. ZBrush usa una tecnologia che immagazzina informazioni su illuminazione, colore, materia le e intensità di tutti gli oggetti visualizzati. In questo corso introduttivo aperto a tutti lo studente sarà guidato alla realizzazione di un  modulo con cui costruirà un anello ed un bracciale. 

RE.1 Colorazione del diamante  

Colorazione con l’acquerello di diamanti taglio brillante.  

RE.2 Schizzi e rendering a penna 

L’obiettivo del workshop è di dare allo studente gli strumenti per realizzare disegni di gioielli monocromatici attraverso  tecniche veloci di chiaroscuro che diano un impatto visivo immediato. 

Vengono applicate le tecniche di rappresentazione veloci con l’uso delle penne ad inchiostro. Partendo dalle diverse tecniche di rap presentazione di superfici piane, curve, cilindriche e coniche si passa al disegno di gioielli con pietre preziose faccettate, pavé, perle  ed altri materiali. 

RE.3 Rendering con pennarelli e matite acquerellabili  

L’obiettivo del workshop è di fornire allo studente gli strumenti per realizzare dei rendering di gioielli attraverso l’utilizzo di tecniche di  rappresentazione veloci ma di forte impatto visivo. Vengono utilizzate le tecniche di rappresentazione con l’uso di pennarelli ad al cool e ad acqua e delle matite acquerellabili. Partendo dalle diverse tecniche di rappresentazione delle superfici piane, curve, cilindri che e coniche, sia lucide che satinate, di metalli preziosi. In seguito, si passa al disegno di pietre preziose: cabochon e faccettate,  pietre dure, perle, coralli ed altri materiali.  

RE.4 Rendering digitale con Photoshop, Illustrator e Procreate  

L’obiettivo del workshop è di fornire allo studente gli strumenti per realizzare dei rendering attraverso l’uso del digital painting, altamen te veloce, dinamico ed espressivo. Sono illustrate ed utilizzate le tecniche di rappresentazione digitali per mezzo dei software Adobe  Photoshop e Illustrator e dell’applicazione Procreate. Come di consueto si parte dalle tecniche di rappresentazione delle superfici  piane, curve, cilindriche e coniche dei metalli, sia lucide che opache/satinate. Si passa in seguito alla rappresentazione digitale di  pietre preziose: cabochon e faccettate, pietre dure, perle, coralli, carré e pavé di brillanti. Vengono evidenziati i vantaggi del rendering  digitale e la possibilità di modificare il disegno ed adattarlo a esigenze diverse in brevissimo tempo. 

EN.1 Segnatura  

Introduzione alla tecnica della segnatura con bulino su lastra piana. Tracciare, delineare su una lastra di metallo disegni e forme  geometriche. La segnatura è la base per l’apprendimento di tecniche più avanzate di incisione a bulino. 

EN.2 Texture incisa  

Il corso ha come obiettivo l’insegnamento del disegno e dell’incisione a bulino col fine di realizzare texture e pattern differenti.  Partendo da elementi grafici di base, come semplici linee, si vedrà come realizzare motivi anche più complessi, fino ad arrivare ad ornati e composizioni astratte. Sarà anche dimostrato come realizzare imitazioni di superfici naturali, studiando le strutture per  creare effetti come corteccia o legno, livree di pelli animali, o le superfici delle pietre. 

ENJF.1 Introduzione all’incisione sul gioiello 

Appresa la tecnica di preparazione del bulino e dopo aver preso dimestichezza con gli strumenti, si inizierà ad incidere alla stecca su  lastre di rame e anelli in argento.  

ENJF.2 Fondo, granito e seta sul gioiello 

Incisioni su una foglia in argento, uso di fondi, granito, seta, incisione di venature per far risaltare l’effetto naturale.  Il granito serve a realizzare uno sfondo omogeneo che crea un contrasto con le successive incisioni lucide, esaltandole.  

ENJF.3 Corsivo sul metallo  

L’obiettivo del corso è di apprendere come incidere nomi o altri termini in corsivo inglese su lastre piane. 

Il corso è utile sia per orafi che per incisori. Può servire per firmare i propri lavori utilizzando una lastra in metallo, “scrivere” con il  bulino i nomi, le iniziali e le date, eccetera: con questa tecnica si possono personalizzare diversi tipi di gioielli. 

INPR1.F Incassatura su griffe (solitario o trilogy) 

L’incassatura a griffe è la più utilizzata per gli anelli solitari e trilogy ed è in grado di valorizzare la bellezza della pietra.  I partecipanti impareranno ad incassare le pietre tonde taglio brillante su anelli e altri semilavorati in argento. 

INBS.F Incassatura su castoni di diversa forma 

La pietra è incassata nella sede preparata in precedenza (castone). Il collare di metallo è ribadito sulla pietra per mezzo di un  cesello o di un martellatore. Per le esercitazioni saranno utilizzati semilavorati con castoni di varie forme e si imparerà a posizionare le  pietre faccettate di diverso taglio (rotonde, taglio carré o princesse) e pietre tonde taglio cabochon. 

INSG.F Incassatura a sguscio 

La tecnica dell’incassatura a sguscio, nella quale le pietre non sono per niente coperte dal metallo, fa apparire le pietre più grandi di  quanto sono in realtà. Questo tipo di incassatura è particolarmente adatto per pietre rotonde e di piccole dimensioni, e viene spesso  utilizzata per “punti luce” e nei braccialetti tennis. Durante il corso saranno eseguite esercitazioni su lastre e semilavorati in argento o bronzo. 

INBI.F Incassatura su binario 

L’incassatura a binario è una delle più diffuse: questo tipo di montatura conferisce bellezza alle pietre, disposte in fila una accanto  all’altra. È un tipo di incassatura adatta a pietre non grandi e di solito tutte della stessa dimensione. I tagli più usati per questa incas satura sono il carré e la baguette, ma ottimi risultati si ottengono anche con pietre tonde. 

INSGR.F Incassatura sgriffato 

Questa tecnica in parte richiama l’incassatura a griffe, ma l’utilizzo di frese particolari e bulini la rendono assai diversa nella realizza zione e adatta a oggetti da produrre in serie o semplicemente su oggetti unici. L’incassatore ricava le piccole griffe tagliando il metallo  di base e modellando i blocchetti di metallo come guida.

SMAF.1 Smalti trasparenti con pellicole smaltate argento e oro su rame*  

Durante il corso sarà illustrato come ottenere colori chiari e belli direttamente sul rame utilizzando smalti trasparenti in polvere  setacciata in combinazione con lamine d’argento e d’oro, su rame piatto o leggermente formato. I partecipanti esploreranno i metodi  utilizzati per aumentare la profondità, la complessità, i dettagli e la massima trasparenza, acquisendo al contempo informazioni e  competenze essenziali per una smaltatura trasparente e per ottenere un’ampia gamma di colori. 

SMAF.2 Smalto liquido  

Gli studenti saranno guidati a iniziare le tecniche di stratificazione e i metodi di applicazione associati agli smalti liquidi. Nel processo  di smaltatura e cottura saranno incorporati materiali alternativi. Gli smalti saranno cotti in forno o con fiamma diretta, che offre mag giori variazioni alla superficie dello smalto. Esplorando le possibilità gli studenti dovranno presentare una raccolta della loro ricerca  come dimostrazione attraverso diversi pezzi con un’adeguata documentazione dei loro processi. Agli studenti più esperti sarà chiesto  di sviluppare un processo in un pezzo completo che può essere indossabile o scultoreo. 

SMA.WE Smalti a fuoco, smalto a umido, smalto a secco, Champlevé  

Il corso mira a fornire agli studenti la conoscenza delle principali tecniche di smalto a fuoco applicate al metallo, in particolare sugli  oggetti di gioielleria. Il programma include lezioni pratiche ed esercitazioni che coprono le tecniche di smalto a secco, smalto umido e champlevé 

PEARL Infilatura delle perle 

Il corso consiste nella creazione di una collana di perle dall’inizio fino alla chiusura. I partecipanti impareranno la base  fondamentale dell’infilatura e ad utilizzare i materiali necessari per quest’arte. Il corso è rivolto a coloro che per necessità creative,  commerciali ed hobbistiche vogliono imparare questa tecnica.